Ultimo aggiornamento: 29.04.2017

Alla scoperta di: Pannarano Dettagli sul comune »

Come arrivare:

Da Nord via Roma:
Autostrada A1 uscita Caianello e proseguimento per Benevento poi strada Statale 7 Appia direzione Montesarchio - Caserta.
Da Nord via Pescara: Autostrada A14 con uscita a Termoli e proseguimento per Boiano – Benevento poi strada Statale 7 Appia direzione Montesarchio – Caserta.
Da Napoli - Caserta: Autostrada A1 con uscita a Caserta Sud – Maddaloni poi strada Statale 7 Appia direzione Montesarchio - Benevento.
Da Bari: Autostrada A16 con uscita Benevento percorrere tutto il raccordo Autostradale poi strada Statale 7 Appia direzione Montesarchio - Caserta.
Da Salerno - Avellino: Autostrada A16 con uscita a Benevento poi strada Statale 7 Appia direzione Montesarchio - Caserta.

Pannarano e...l'Oasi WWF
Pannarano, nota come “Pandarano”, sorge al confine con l’Irpinia, ai piedi del Massiccio del Partenio.
Le sepolture di epoca sannita rivenute nelle località Acqualta e Tavella, attestano la presenza umana già nel IV secolo a.C., mentre altri reperti archeologici risalgono all’epoca romana. Il centro abitato si è sviluppato nel basso medioevo ma si incrementa nel XVI secolo allorquando nel centro vengono costruite numerose case a corte con bei loggiati e scale interne che sono visibili ancora oggi.
Fu feudo di Bartolomeo da Montesarchio, passò ai Della Leonessa, ai Marziale, ai Caracciolo che lo conservarono fino all’abolizione dei diritti feudali nel 1806. Aggregato alla provincia di Principato Ultra, dopo l’Unità d’Italia entrò a far parte della provincia di Benevento.
Da Pannarano è possibile effettuare un’appassionante escursione all’oasi naturalistica del WWF presso la Montagna di Sopra, nel cuore del Parco Regionale del Partenio.
L’Oasi, grazie al suo dislivello dagli 800 m. ai 1590 m. del Monte d’Avella ed alla natura geologica di tipo calcarea, offre all’ambiente un aspetto assolutamente unico. Dalla sommità del monte si ammira la prevalente foresta caducifoglia con faggi, agrifogli, tassi e ontani napoletani. Dai 1200 m. si vede fiorire il giglio martagone, simbolo dell’Oasi e, più in alto, la rosa pendulina.
Sui sentieri interni, invece, è possibile incontrare la salamandra pezzata, il corvo imperiale, la donnola, la martora, la volpe e il lupo mentre si pratica trekking o birdwatching.
Insomma, Pannarano costituisce una tappa obbligatoria per tutti coloro che amano farsi coinvolgere dalle bellezze e dalle varietà della natura.
L’Oasi WWF Montagna di Sopra organizza durante tutto l’anno numerose iniziative e soprattutto nei mesi primaverili ed estivi è sicuramente piacevole vivere la montagna attraverso camminate tra i boschi divertendosi in compagnia.

In primo piano

Stagione concertistica 2017 dell'Orchestra Filarmonica di BENEVENTO


Cinque concerti nel cartellone dell'orchestra sannita, ricco di ospiti illustri di fama...

Alla Scoperta

Nella valle del Fortore ……Castelvetere in Val Fortore


Il nome Castelvetere deriva dal latino castrum vetus ossia “castello vecchio”, intorno al quale, a ventaglio, si dispongono le strade del

Tappe Precedenti

Mappa territorio

Visualizza la mappa dei Comuni sul territorio della provincia di Benevento.